#Sharon “Per un battito di ciglia”

Gerusalemme, 13-1-2006 . Il mio ricordo dell’ultimo dei 9 giorni passati davanti all’ospedale Hadassah dove Sharon era ricoverato dopo l’ictus. Arik è ancora addormentato. Non ha aperto gli occhi. Ma attorno al suo letto, dietro quelle 3 persiane abbassate nella sala della terapia intensiva,  medici e parenti oggi hanno esultato. Perché per la prima volta […]

Non c’è tempo per essere triste.

NON C’E’ TEMPO PER ESSERE TRISTE

L’ULTIMO POST DI FRANCA RAME

(…) Respiro profondamente. Sto per dire qualcosa che mi costa. “Sono tanto triste perché sono disoccupata. Ho perso il mio lavoro.” “Come hai perso il tuo lavoro? Sei dalla mattina alla sera al computer…scrivi, scrivi, scrivi senza alzare nemmeno gli occhi.” “Sì lo so, ma questo non è il mio lavoro. Sono nata il teatro, a 8 […]