Tutti intelligenti come i Pandit vedici indiani #salute #benessere

Un esercizio intenso e continuativo della memoria verbale modifica in modo esteso e significativo il volume e l’organizzazione del cervello, anche in aree non direttamente coinvolte nei processi di memoria. Lo dimostra una nuova ricerca condotta sui Pandit vedici ( esperti di yoga e meditazione trascendentale)  da un gruppo di ricercatori del Centro interdipartimentale mente cervello  dell’Università PANDITdi Trento, in collaborazione con il National Brain Research Centre (India). Nell’esperimento, i cui dati sono stati raccolti in India, i ricercatori hanno usato le neuro immagini per esaminare lo spessore corticale e la densità della materia grigia in un gruppo di Pandit e in un gruppo di controllo. I risultati dimostrano nei Pandit un aumento di spessore e volume della corteccia cerebrale, non solo in regioni collegate alla memoria, ma anche in aree collegate alla comprensione del linguaggio e all’elaborazione d’informazione visiva.
“Capire come il cervello umano sia capace di sostenere la trasmissione orale di conoscenze dettagliate per millenni e’ stata una delle motivazioni principali di questo esperimento”, dice Uri Hasson, professore associato al Cimec di Trento nel cui laboratorio si e’ svolta questa ricerca. L’articolo con i risultati della ricerca e’ disponibile online sul sito della rivista NeuroImage.

(CREDIT ANSA)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...