Quando tutto cominciò

Ci sono scoperte che cambiano la vita dell’umanità e la “Particella di Dio”  potrebbe essere una di queste. Era da mezzo secolo che i fisici di tutto il mondo cercavano il Bosone di Higgs .  Per questo, quando il Cern di Ginevra ha annunciato di averlo trovato nel luglio 2012, nel mondo della fisica si è subito diffusa la sensazione di essere a un punto di svolta.

Si è scritto molto del Bosone, ma nessuno di noi profani ha capito ancora a cosa serva.  Gli usi pratici sono imprevedibili,  spiega sul Corriere della Sera Rolf-Dieter Heuer direttore generale del Cern . “Quello che rende questa particella così speciale è il fatto che è la prova regina dell’esistenza del meccanismo che dà origine alla massa di tutte le particelle elementari, un meccanismo che si è messo all’opera un centesimo di miliardesimo di secondo dopo il Big Bang e che ha reso possibile la formazione dell’universo e in ultima istanza di noi che lo osserviamo”.

Dunque il Bosone  potrebbe aiutarci a capire tutto o quasi di come funziona il nostro Universo. La scoperta del Cern (laboratorio in buona parte italiano dove è stato messo a punto  il Web, il protocollo che ha lanciato internet a livello planetario) non è un punto di arrivo, ma una linea di partenza.   “Il Bosone è stato acchiappato per la coda, ma bisogna ancora scoprire che animale è” (cit. Bertolucci, direttore generale del Cern).

 

(grazie anche a Piero Angela e a SuperQuark)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: